Warning: Use of undefined constant HGR_XTND - assumed 'HGR_XTND' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/customer/www/emmeffemusic.com/public_html/wp-content/plugins/hgr_vc_extender/elements/hgr_xtnd_animicons.php on line 21

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/customer/www/emmeffemusic.com/public_html/wp-content/plugins/hgr_vc_extender/elements/hgr_xtnd_animicons.php:21) in /home/customer/www/emmeffemusic.com/public_html/wp-content/plugins/sg-cachepress/core/Supercacher/Supercacher_Helper.php on line 77
La musica ambient secondo Emmeffe - Emmeffe - Official Site

La musica ambient secondo Emmeffe

Con il termine musica d’ambiente, musica ambient, ambient music o, in forma abbreviata, ambient, si indica un genere musicale nel quale il tono e l’atmosfera del brano assumono un’importanza maggiore rispetto al ritmo e alla struttura così come vengono solitamente concepiti in ambito musicale. La musica ambient evoca inoltre qualità “visive” e di “atmosfera” e la sua funzionalità principale è quella di catturare lo stato d’animo dell’ascoltatore e di farlo uscire dalla propria coscienza.

Emmeffe e la musica ambient

Il primo brano che ho realizzato con il progetto Emmeffe, “Nuvole”, rispondeva esattamente a questi principi. Tuttavia in quel momento avevo una scarsa conoscenza della musica ambient. Posso dire che neanche sapevo esattamente ciò che stavo facendo e in che genere musicale avrei potuto collocare quella composizione. Ho semplicemente immaginato il lento incedere delle nuvole, quello spostamento impetuoso e appena percettibile e ho provato a rappresentarlo in musica. Non vi era ritmo, non vi era una struttura, i suoni erano eterei e lenti. Si modificavano lentamente cambiando continuamente forma, proprio come fanno le nuvole. Poi, un giorno, feci ascoltare quel brano a qualcuno che lo identificò immediatamente come un brano ambient.

In quel momento realizzai che i miei vecchi ascolti di Brian Eno, di Erik Satie, di John Cage e di tanti altri avevano lasciato un segno. Qualcosa che avevo ascoltato molto tempo fa si era depositato nel mio sentire musicale. Era qualcosa che nel mio percorso, fino a quel momento, avevo stranamente ignorato. Così come avevo in parte ignorato il potenziale ambient di alcuni artisti come il primo Aphex Twin, i Boards of Canada, i Massive Attack, gli Autechre.

Il fatto di creare musica per rappresentare paesaggi, immagini, stati emotivi e per portare l’ascoltatore in uno stato di coscienza diverso da quello in cui si trova è da sempre stata una qualità della musica a me molto cara. Forse, senza esserne consapevole, è stato il fine di qualsiasi mia composizione fin da quando ho iniziato a fare musica.